Tag

, , , , ,

20120602-105540.jpg

(…) Alice sospirò, stanca. “Secondo me potreste impiegare meglio il vostro tempo” disse “invece di sprecarlo con indovinelli senza risposta.”
“Se tu conoscessi il Tempo come lo conosco io” disse il Cappellaio “non ne parleresti con tanta confidenza.”

Come Alice, io il Tempo non lo conosco affatto; mi burla sempre: quando vorrei che restasse, allora fugge e quando vorrei che accelerasse, invece stagna.
E non serve neppure che vi dica che vi scrivo a ragion veduta, dopo aver fatto tutti i tentativi possibili di manipolarlo a mia volta (facendogli credere che non ci tenevo affatto, con la speranza che lui allora per dispetto si fermasse e poi così il contrario…) ma niente non c’è verso, mi legge nel pensiero.

Anche nel ricordo ci mette del suo: gli istanti belli vanno troppo veloci, poi mi si intrecciano e mi si fondono in un tutt’uno indistinto. Sui momenti brutti non vi dico, fate un po’ voi. Il Tempo fa come cavolo gli pare.

Mi rimane l’interrogativo di come si comporterà stasera, domani, questa settimana, fino a fine giugno… all’inizio di settembre…

A seconda della velocità con cui lo vedrò passare, riceverò indirettamente un’immagine riflessa di me stessa: come erano in realtà le mie fondamenta, solide o no?
Inutile chiedermelo adesso, me lo dirà lui tra un pochino.

PS. Ehi nextlola, questa citazione anticipa la tua lettura di Alice nel paese delle meraviglie. Ora ti lamenterai che te l’ho rovinata?

Annunci