Scusate le spalle

Possiamo sottilizzare quanto volete, ma gli elementi per valutare quanto ci è piaciuta una cosa alla fine, stringi e stringi, si riducono a due:

  1. intensità puntuale della sensazione: elemento facile da misurarsi a caldo. Consiste nel rimanere totalmente sbalorditi quando si vede una cosa (ad esempio luogo/città/opera d’arte). Tipicamente si manifesta con espressioni  come: Uààà oppure la nota variante partenopea del Uà-nm.
  2. durata della sensazione: elemento impossibile da misurarsi a caldo. Consiste nella persistenza di una sensazione di piacevolezza a distanza di tempo e anche per cose (ad esempio luoghi/città/opere d’arte) che non sembravano averci particolarmente colpito a caldo. Tipicamente si manifesta con espressioni colloquiali come: Ma sai cosa mi è tornato in mente…?

Ecco, e poi c’è Modica. Ha colpito forte già lo scorso autunno e ancora non se ne va…

7 risposte a "Scusate le spalle"

Add yours

  1. Modica è bellissima, così come tutta quell’area. Zone popolate da persone altrettanto bellissime. Ah… che ricordi… 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: