Tag

, , , , , , , , ,

Ho dovuto aspettare che si spalancasse la porta dell’ufficio, perchè tutto il tempo che è passato dal momento in cui hanno bussato e hanno cacciato soltanto una capuzzella nella mia stanza per chiedermi se ero pronta, a quando la porta si è aperta, non sapevo immaginare di cosa si potesse trattare e sono rimasta così… col fiato sospeso.

Poi la porta si è spalancata ed allora sì che ho visto.

Ho visto un signore vecchietto nascosto dietro una cosa enorme e dietro di lui almeno una decina di colleghe festanti e vocianti. E la “cosa” era una meravigliosa pianta di orchidee con una lettera. E se dico enorme è perchè quella che vedete in basso è proprio una lettera, non è un biglietto…

L’orchidea è stata un regalo. Uno dei regali che mi ha fatto mio marito. Oggi è il mio compleanno. Questa volta sono trentaquattro (o inizia il cammino per i trentacinque, come scientificamente mi ricorda lui…). Io a vedere questa pianta mi sono molto emozionata. E allora tanti auguri.

Annunci