Umidità

sri lanka
Guida dello Sri Lanka fotografata dal marito a Colombo.

Non so quante volte l’ho raccontata questa storia.

Quando arrivammo a Goa negli ultimi giorni del monsone, non ci eravamo resi conto razionalmente di cosa avremmo visto e vissuto.

Convinti che il monsone fosse solo una pioggia più forte del solito e più continuativa, dal taxi che prendemmo in aeroporto ci facemmo lasciare dietro una duna oltre la quale iniziava la spiaggia di Palolem. Ricordo che all’inizio quasi non notammo il fatto che, avanzando verso il mare, dovevamo scavalcare una miriade di detriti ma poi, quando arrivammo sulla spiaggia, capimmo.

Lo scenario era apocalittico, baracche distrutte per terra, rami di palme spezzati, detriti di ogni tipo. In una parola: devastazione.

In quel momento non pioveva, la sabbia era terra bagnata ed il mare era fragoroso.

Fu solo la notte che però capimmo effettivamente che cosa significa vivere in un piccolo paesino durante il monsone. Nella nostra guest house, che pure era in muratura, c’era così tanta acqua nell’aria che gli asciugamani in bagno erano bagnati, il materasso era bagnato, il cuscino era bagnato. I capelli non mi si riuscivano ad asciugare in nessun modo, il phon era totalmente inutile.

La notte piovve di nuovo. Ci svegliammo di soprassalto per il rumore fragoroso delle gocce sulle foglie larghe e verdissime di una pianta accanto alla nostra finestra. L’indomani non c’era un centimetro di strada libero dall’acqua per camminare.

Per tutto il tempo che stemmo lì non ci si asciugò praticamente mai nessun vestito, tanto che quando poi tornammo a Mumbai avevamo l’impressione di avere un nugolo di moscerini che ci giravano attorno, un po’ come Pig Pen di Snoopy.

Che a Colombo ci fosse il monsone adesso già lo sapevo, ma mi è bastato ricevere questa foto stamattina perchè provassi anche io di nuovo la sensazione di essere inumidita.

Capirete allora che, quando il marito mi ha telefonato dallo Sri Lanka oggi pomeriggio e mi ha chiesto se ero uscita e com’era il tempo a Roma, prima di rispondere ho cercato conferma fuori dalla finestra: goccioloni di pioggia che si abbattevano rumorosamente sui vetri e vento che scuoteva le cime dei pini del nostro condominio.

E dunque gli ho risposto: “Il tempo, dici? Guarda, niente male…”

17 risposte a "Umidità"

Add yours

  1. queste distanze mi fanno un po’ di magone, ma non farci caso, che son robe mie che non sono tanto a posto. dai che almeno qui fa caldo. pare.

      1. Io ricordo lo Yemen come il solo posto peggiore di Venezia in termini di umidità, una città sul mare, quaranta e rotti gradi, non si respirava. Venezia è cosa per dilettanti. (ma son le distanze che fanno magone, non Goa, che non ci sono mai stata).

    1. Non ci provare bbbello, un conto sono i disastri ed un altro le calamità stagionali. Mi sa che a Oklahoma ieri c’eri tu o almeno è partito un tuo fax verso quella destinazione.
      E comunque sei antiquato, i fax non si usano quasi più.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: