Fascino indelebile

disordine sul comodino.jpg

Sarà la nona volta che ci vediamo.

La prima volta fu a cena dopo una partita di calcetto di mio marito, un bel po’ di anni fa. E poi a qualche aperitivo, ad una festa di Natale, dove per quasi tutto il tempo parlai con la sua ragazza orientale, vissuta tra Canada ed Ecuador e poi l’ultima volta lo scorso luglio sulle sponde di un lago vicino Roma. In questa occasione noi eravamo con due nostri cari amici che, ma guarda tu le combinazioni della vita, in realtà lo conoscevano benissimo, lo avevano incontrato qualche anno prima a NY, forse erano proprio stati suoi ospiti a casa, non lo ricordo. E sarà stata l’atmosfera rilassata di inizio estate, l’avere i piedi nell’acqua, il sole che tramontava, insomma, io questa volta davvero speravo che tra noi le cose sarebbero cambiate.

E invece no, e invece proprio no.

Ieri sera, uscendo da un baretto, lo incontriamo per caso. Aveva un giubbottino di pelle verde chiaro ed il solito laccetto al collo. E per l’ennesima volta ho rivissuto la stessa scena, lo stesso identico copione, con mio marito che gli dice: “Mitch hai conosciuto mia moglie, vero?” E con la sua risposta che arriva sempre puntuale, come un fendente: “No, non mi sembra di averla mai vista… Piacere, io sono Mitch!”.

A trentaquattro anni ho raggiunto un mio equilibrio ed una mia maturità e quindi sapere di non lasciare affatto il minimo segno in uno dei ragazzi che considero tra i più carini di Roma per fortuna non scalfisce affatto la mia autostima.

Solo che da stasera non uscirò mai più.

23 risposte a "Fascino indelebile"

Add yours

      1. Vero. Prova a immaginarlo mentre fa la cacca. Io lo faccio spesso in queste occasioni. Questo aiuta. Prova, prova. Poi mi dici.

  1. Pensa… A me è successo con un mezzofidanzato adolescenziale frequentato per almeno 10 anni, con le nostre mamme amiche.
    Perdona il termine, ma questi si chiamano rin co glio ni ti!!!!

  2. Ha fatto finta di non conoscerti perché anche lui ha un interesse x te. Altrimenti non ne avrebbe avuto motivo. E con la tua “rivincita” hai fatto un po il suo gioco. Classica storia da romanzo…

  3. ma se lui è mitch e tu non sei pamela, che vai truvann?
    cmq propendo per la soluzione, drastica ma incisiva, o in alternativa molare, di nextlola… di solito chi non ha buona memoria per i visi ne ha per gli eventi 😀

  4. Penso tu abbia veramente ragione, questa è vera dimostrazione di maturità ed autostima raggiunta e poco scalfibile.

    P.S. : Forse faccio male ad aggiungere questo. Quella di Mich potrebbe essere una sua tecnica seduttiva che adotta con le donne che lo colpiscono. (non so aggiungere l’iconcina del diavoletto)

  5. eheh, dai!! non ti ha riconosciuto per via della panza|
    cmq, i tipi così io personalmente li detesto già prima che aprano bocca..

  6. E’ un coglione. Ufficiale.
    Appoggio anche io la linea Nextlola del tatuargli 5 dita (cinque) sulla guancia.
    Marito: Questa è mia moglie Quartopiano…
    Rai: Quartopiano chi???
    😉

  7. Dandogli una bella pacca amichevole sul braccio destro: “A Mitche, e fatte sta bella cura di fosforo che ce saremo visti almeno na decina de vorte!!… del resto a te chi te dimentica cò sto nome der cazzo che te ritrovi?”
    ecco. non è manesco ma dovrebbe rimanergli impresso lo stesso…
    (ad ogni modo propendo per la teoria cetriolesca con risvolti nextloliani)

    chiedo venia, so che marito non apprezzerebbe MAI uno sproloquio del genere, tuttavia tu sei incinta e puoi permetterti di tutto, io sto leggendo Gadda e ormai ne subisco l’influenza senza freni…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: