Tag

, , , , , ,

 

DajeVarcare consapevolmente l’ingresso di una piscina condominiale con Giulio significa, implicitamente, essere disposti a far fronte al peggio.

Con Giulio in piscina, se ti va bene, sei costretta ricorrere alla maestria di un funambolo per inseguirlo sul bordo di marmo bagnato, con una leggera preoccupazione nel retrocranio perchè tu, diversamente da lui, sei senza rete ed al nono mese di gravidanza. Per dire.

Oppure sei disposta a farti slacciare il costume, solo perché lui sta attraversando la fase in cui è in fissa con i nodi, incurante del fatto che ci sono dei costumi che necessitano di una laurea in discipline tecniche per essere riallacciati e che soprattutto non è possibile farlo in piscina, quando non tocchi, con lui che ti schizza e contemporaneamente cerca di salirti sulle spalle per fare un tuffo. Ecco, sempre per dire.

Un anno e mezzo. Non riesco a darmi pace.

Figuratevi, dunque, quando nel salire da solo la scaletta scivola sul bordo mentre fa l’ultimo gradino ed urta con la testa il paletto: per me questo rientra nelle sciagure declassate nella categoria “…e quindi?”.

Ma lui, che abbatterebbe pareti di granito a testate, ci rimane male. Frigna. Vuole un bacio sulla bua. Mi accusa il paletto, colpevole di essersi frapposto tra lui ed un suo obiettivo: ma che maniere! E così mi si accoccola in braccio e io mi godo quei cinque-minuti-cinque di inaspettato riposo.

Solo che lui cerca consenso, vuole un movimento di popolo. Incrocia lo sguardo di una madre e le addita il paletto. E lei, in uno stile impeccabile da lontano gli urla:

“Che è…? T’ha fatto male?”

“Uaaahhhhhhh….” Giulio piange, annuendo.

“Bè, vai a menàllo, no?” gli grida lei.

E così, quando Giulio scende dalle mie braccia, corre verso il paletto e lo riempie di botte, osservo con nonchalance andare in fumo il mio anno di insegnamenti a non picchiare niente e nessuno, ma ad ondeggiare sdegnosamente il dito indice in segno di disapprovazione.

Daje.

Annunci