Tag

, , , , , , , , , , ,

topiBelli quei tempi in cui a svegliarti la notte era la fame: erano tempi che sapevano di gioventù.

Già meno belli i tempi in cui a svegliarti la notte sono i pensieri: sono i tempi della responsabilità.

Tanto lo dico in generale, perchè a me a svegliarmi nei tre quarti dei casi è sempre stato l’impulso di andare in bagno. Altro che problema di una certa età: io mi portavo avanti già da ragazzina.

L’altra notte, però, abbiamo voluto innovare, perchè la verità è che faremmo di tutto pur di non essere appiattiti dalla routine. A noi l’altra notte non furono fame, pensieri o pipì a svegliarci. A noi l’altra notte ci ha svegliato un topo.

E dato che è l’occasione che rende l’uomo “lucido” alle 4:20 di notte ci siamo ritrovati ad avere più neuroni in servizio che durante le più dure riunioni con i nostri rispettivi capi.

E finalmente, dopo esserci sigillati nella nostra stanza per quasi 4 ore, dopo aver smontato i cassetti, dopo aver reso accessibili gli angoli più inaccessibili degli armadi, dopo aver scoperto che posso smetterla di urlare al complotto, perchè è dietro alla testeria del letto che finiscono tutti i miei elastici per capelli… insomma, dopo aver messo a soqquadro tutto, ecco solo allora finalmente abbiamo accettato che il topo non lo avremmo stanato mai.

E così i giorni passano, le trappole restano e le occasioni di trovare il topo (lentamente) svaniscono.

Aggrappati con le unghie ad un approccio rigidamente positivista, quindi, col marito abbiamo sentenziato che “un topo che non si palesa è un topo che non c’è”. E almeno fino a ieri sera ne eravamo perfettamente convinti.

Poi oggi ho pensato bene di telefonare, come ultimo scrupolo, ad un derattizzatore. E lui, con un’aria altamente professionale, mi ha esposto la sua teoria: “Signora” mi ha detto “sa che le dico?”
“Mi dica…”
“Lei è stata sfortunata.”
“Ah”
“Io ne ho viste tante. Probabilmente il topo è ancora in casa.”
“Ah”
“Ma lei non vede le tracce, non lo può seguire… Signora lei evidentemente si deve essere imbattutta in un raro topo stitico.”

Annunci